Crea sito

Trattamento sanitario obbligatorio (TSO) da cambiare

Il TSO (trattamento sanitario obbligatorio) in genere è sottoposto ad obbligo per chi ha bisogno di cure e le rifiuta. Sembrerebbe un bene, ma non è così. Personalmente, sono d’accordo che chi è un male per il pubblico, se rifiuta le cure, sia sottoposto a TSO. Diverso, invece, il caso in cui uno decida di suicidarsi, che potrà essere uno sbaglio grossolano ma resta una scelta (*).

* A scanso di equivoci, io posso provare a convincere l’aspirante suicida a non farlo. Ma non dovrò usare la forza o il ricovero coatto. Chi non prova a impedire che qualcuno si suicidi non è un essere umano, ma non bisogna fare il tentativo con la forza. Ovviamente, tutto ciò vale se l’aspirante suicida non intralcia la giustizia, ad esempio provando a gettarsi sotto un treno. Se si salva, dovrebbe essere cosciente di essere stato… incosciente ed egoista. L’eventuale conducente potrebbe soffrire di disturbo da stress post-traumatico.

Praticamente solo difetti

Per quanto riguarda il TSO, ci sono dei difetti evidenti:

1) la richiesta è fatta al sindaco e servono due medici, di cui uno non dev’essere per forza psichiatra;
2) di fatto, possono scrivere qualunque cosa per giustificare un ricovero coatto, a discrezione solo dei medici in questione e del direttore.

Il primo punto dice che, se io sono un fisiatra o un babbaluco, posso accordare un TSO. Un’altra richiesta per il TSO è che:

3) non è possibile adottare tempestive misure extraospedaliere.

Il punto 3 dice che, in realtà, la cosa è possibile eccome nella maggioranza dei casi. Un vagabondo che non vuole mangiare in mensa lo farà cercando cibo nei boschi. È giusto o sbagliato? Forse no, ma ha il diritto di farlo e, piuttosto, è meglio che finisca in galera ma non in TSO. In sostanza, la brutta realtà è che un TSO può essere dato anche a un vagabondo che rifiuta di mangiare (è un suo diritto, per quanto spiacevole; cosa non va? che ti fanno stare peggio imbottendoti di farmaci, ma senza davvero aiutarti!). Ed è capitato, purtroppo, a persone come Massimiliano Malzone che, anziché essere aiutato nei suoi problemi, è stato ucciso da un TSO. La regola 3, spesso, non viene fatta affatto rispettare. A proposito, il nostro sito chiede giustizia, VERA, anche per Malzone. Non ha senso “sentirsi” causa civile. Bisogna condannare i responsabili con una durissima pena equiparabile a quanto subito da Malzone, punto e stop.

Attualmente, una forma di ingiustizia

Legge, purtroppo, non aiuta perché, chiunque “giustifichi” un TSO, si appella al diritto di necessità (necessità spesso false, perché il soggetto viene imbottito di farmaci). Inoltre, spesso è un ricovero volontario, avvenuto in ambulatorio, a trasformarsi in TSO, perché cambiano le condizioni e uno o più medici decide o decidono diversamente. Esiste il diritto di appellarsi, ma alla fine sei coatto per 7 giorni. Infatti, il sindaco ha l’obbligo di rispondere entro 10 giorni. E sei già ridotto a uno zombie. Se conoscete il sito, sapete che non sono affatto contro i farmaci, ma non così. In pratica, il sindaco ha l’obbligo di rispondere entro 10 giorni, ma entro 10 giorni il TSO è già stato fatto. E qualcuno, nel frattempo, può essere morto. Una misura chiaramente ingiusta, a tutto vantaggio dell’abuso di potere che, purtroppo, avviene spesso. Manca solo far tornare i manicomi e siamo a posto…

Durante il TSO, la persona subisce un durissimo trattamento fisico e psicologico atto a renderlo “docile e innocuo”. Di fatto, arriva a uno stato di spersonalizzazione, con un grave trauma della persona che si sente violentato e violato nel suo essere. Spesso, la persona viene anche “portata via” con una eccessiva forza. Anche quando i 7 giorni di TSO finiscono, la persona ha tutto il sacrosanto diritto di andarsene ma, se non resta con trattamento sanitario volontario (TSV), continuano a infliggere il TSO. Invece, la legge Basaglia del 1978 prevede che ognuno possa andarsene, altrimenti diventa un reato di sequestro di persona. Ma è come il toro che si morde la coda. I medici o presunti tali giocheranno sempre la carta della necessità, impedendo che la persona abbia una concreta facoltà legale. Tante volte, poi, specialmente nei posti più disagiati, gli infermieri sono come dei carcerieri che torturano (un esempio è la struttura di Cetraro, in Calabria). Un TSO può far avere conseguenze, fisiche e psicologiche, anche molto a lungo.

Cosa fare?

Come detto prima, possiamo fare ricorso e il sindaco ha l’obbligo di rispondere entro 10 giorni. Ciò, purtroppo, non sempre è possibile. Purtroppo, nei reparti peggiori, in qualche modo, la possibilità di ricorso viene scoraggiata. Ma ricordatevi che è un diritto. È fondamentale avere qualcuno all’esterno che renda possibile il ricorso. Però il problema è quello: la durata di risposta supera quella del TSO, quindi uno è fregato! L’unica soluzione percorribile è, legalmente, quella di invalidare il TSO individuando le irregolarità nella forma e nel contenuto. E fidatevi, può accadere spesso! Solo che in pochi lo sanno, accettando, rassegnati, il regime o perché le cose vengono nascoste. È l’unica via, poiché il buon senso, in questi casi, è raro che sia di casa. Se si fa ricorso, è bene farlo il prima possibile, entro le 48 ore, in modo tale da far avere una copia al Giudice Tutelare chiedendogli di non convalidare il TSO. La via in extremis è il Tribunale. Ricordatevi che, in linea teorica, è vietato usare la violenza di qualsiasi tipo, ma proveranno, sempre legalmente, a provocarvi. E questo potrà provocare il rigetto del ricorso. Abbiate calma e sangue freddo e, anche se può sembrare difficile da mandar giù, fate buon viso a cattivo gioco.

Un’altra cosa da ricordare è che la persona non può rifiutare la terapia, ma ha il diritto di essere informato su cosa sta avvenendo. E può segnalare le terapie che considera invasive, scegliendo quella che ritiene più adatta. Tutto questo premesso che, per natura del TSO, non si possono rifiutare le cure. Ma “almeno” la scelta c’è ed è un diritto!

Può essere necessario?

È chiaro che esistono casi necessari di contenzione, ma il nostro sito lotta contro gli abusi e per negare giustificazioni fasulle a procedimenti molto dannosi per una persona. La richiesta di obiettare al TSO deve avvenire PRIMA che il TSO avvenga. La nostra è una proposta vera di modifica di una legge ingiusta, la quale viene prevista da presunti medici che non lo sono affatto e da un sindaco che di certo non ha una laurea in psichiatria.

Il nostro sito NON chiede affatto che il TSO venga rimosso, ma che venga gestito diversamente e, soprattutto, che possa essere contestato prima, tramite un avvocato (che, in caso, dev’essere ammesso d’ufficio), in modo che chi lo subisce abbia tutti i diritti di opporsi, senza che venga inventata una diagnosi per giustificare, alla fine, il delirio di onnipotenza dei medici (e anche di chi medico o psichiatra non lo è, ma vuole prendersi la fetta di una torta). Non esiste che prima si faccia il TSO e solo POI si possa fare ricorso, perché così il TSO sarebbe già stato eseguito. Sarebbe come dare una pena a qualcuno e dargli il diritto di difendersi in tribunale solo a pena eseguita o in corso!

Il TSO può anche esistere, ma non come oggi. Il fine del TSO di oggi è quello di piegare la volontà della persona, al limite tra lavaggio del cervello e violenza. E non è detto che tutto ciò non avvenga davvero dal punto di vista legale. Lo scopo dei medici è quello di aiutare attraverso un processo di fiducia e onestà. Il che non vuol dire non essere duri, ma senza tecniche da coazione. La coazione va bene per gli psicopatici, giusto per rendere l’idea. Al contrario, purtroppo a volte accade addirittura (testimonianza di psichiatri stessi) che i moduli siano precompilati con la firma del sindaco.

Il potere mediatico del camice bianco (di Dario Bressanini)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.