Crea sito

Perché è bello scrivere

Tempo fa, avevo raccontato di frequentare alcuni forum dedicati alla scrittura. Avevo anche spiegato di essermene allontanato, perché erano ambienti morbosamente alla ricerca di applausi o di un editore (che avrebbero anche pagato, pur di venire pubblicati).

Stavolta, non voglio impuntarmi su quei forum, quanto piuttosto dirvi perché ritengo che sia bello scrivere. In breve:

scrivere è una forma artistica che ci permette di liberare ed esprimere una parte di noi stessi.

Fin qui, in tanti condivideranno. Altri contesteranno che è impossibile che tutto di noi venga fuori e ci sarà qualcosa di distorto, sempre e comunque. Ci sta e non lo nego. Fatto sta che lo scopo dello scrivere è questo. Ma se scrivessimo solo ed esclusivamente per noi, tenendo tutto nel cassetto, credo che non avrebbe senso. Ci dev’essere un lettore (o spettatore). Questi lettori entrano intimamente nel nostro mondo. Condividono con noi quelle emozioni. Ci ringraziano di averli smossi in qualcosa o per qualcosa e noi che scriviamo li ringraziamo per aver compreso o accettato un nostro aspetto. Sarà un amico, sarà la madre, sarà il fidanzato. Non importa chi. Lo scopo dell’avere il lettore rimane ancorato qui.

Dove sta la differenza con chi scrive per gli applausi o per essere pubblicato? Che la scrittura avviene “a prescindere”. Il pubblico ci può essere o no, ma siamo già contenti di averlo fatto. D’altronde, qualcuno diceva che, se solo una vecchietta o un cane leggesse il suo libro, sarebbe andato bene lo stesso.

È un po’ come quando parlo spesso di corsa. Quando volete migliorare la prestazione, non dovete farlo per un agonismo esasperato. Non lo dovete fare per vincere un salame scaduto a una gara. Lo dovete fare perché questo vi permetterà di divertirvi fino alla vecchiaia. Se cercate il successo fin dai primi anni, il successo vi corroderà, con il rischio di farvi mollare. Nella corsa è l’infortunio, nella scrittura è la crisi di nervi. Tutto questo lo dico da amante della scienza perché, come dice il mio amico Richard Feynman, la scienza fa apprezzare di più l’arte, non il contrario!

Tuttavia, per fare quello che ho detto finora, vi invito a non stare chini sulla scrivania, ma ad uscire fuori a vivere. Vivete, anziché rintanarvi. Viaggiate, vedete posti. Innamoratevi, soffrite e siate felici. Sbagliate e imparate. Mi viene in mente Foscolo. La produzione di Foscolo è ampia, ma anche paradossalmente inferiore a quella di altri. Evidentemente, a Foscolo piaceva di più litigare con chi gli capitava…

Attenzione, non sto negando che non bisogna essere pubblicati. Ci sono scrittori, come Stephen King o la Rowling, che sarebbe un crimine non pubblicare. Ma non partite con l’obiettivo di questo successo. Probabilmente non avverrà. La scrittura non si basa sulla ricerca del successo, esattamente come tutto il resto nella vita. Vedi la corsa e lo sport in generale, che mi piace usare come metafore. E nemmeno bisogna ricercare la perfezione stilistica, perché quello che conta è avere qualcosa da dire. Mi ricordo un sito dove si diceva come scrivere, ma gli esempi di racconti facevano schifo (per usare un eufemismo). Certo, non è che bisogna scrivere come Moccia ma, insomma, ci siamo intesi.

Ah, finora ho parlato di scrittura. Ma quanto detto vale per ogni forma di arte, che sia musica, teatro o scultura ecc.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.