Crea sito

La guerriglia di fine anno (i botti)

Come ogni anno, nella notte di San Silvestro (31 dicembre), molte persone sono ancora legate alla “tradizione” dei botti. Il bollettino dello scorso anno è agghiacciante: 184 feriti e 38 arresti. Bisogna poi aggiungere i vari sequestri. Insomma, un vero e proprio bollettino di guerra e un arsenale degno delle migliori armi nucleari della Corea del Nord visto che stiamo parlando di persone “comuni” e non dell’esercito militare. I botti sono un chiaro esempio di quanto il nostro paese sia incivile e culturalmente arretrato. Non a caso, c’è una correlazione tra i livelli di benessere di un luogo dell’Italia e l’usanza dei botti. Il mio paesino purtroppo non fa eccezione al degrado e ogni occasione è sfruttabile per provocare un campo da guerra, vedi ad esempio quello che succede ad Halloween. Il punto è che:

scoppiare i botti è segno di inciviltà!

Scoppiare i petardi disturba la quiete, è un atto incivile e stupido. Gli animali e i bambini appena nati diventano nervosi e irrequieti. Sono tantissimi i casi di animali morti proprio a causa dei botti. Quindi, fatemi il piacere, i botti non sono una tradizione, ma inciviltà e mancanza di rispetto per gli altri e per l’ambiente.

Non regge neanche il fatto che esistono botti autorizzati. Intanto, parlare di botti autorizzati non ha senso, perché allora potremmo legalizzare l’omicidio a patto che sia su un ring concordato. La distinzione va fatta per i fuochi artificiali pirotecnici, che formano dei giochi e delle decorazioni. Sono gestiti da persone specializzate e che hanno esperienza nel campo. Sono persone che sanno maneggiare la polvere da sparo e che sanno creare disegni in base a schemi prestabiliti. C’è creatività! Qui sì che si può parlare di tradizione, poiché l’arte dei fuochi d’artificio proviene fin dalla Cina dell’VIII secolo. È una vera arte, che richiede studio, conoscenza ed esperienza. Il loro è un lavoro minuzioso e che richiede una conoscenza della chimica e dei materiali. Non sono dementi che si divertono a far rumore e a disturbare gli animali e la gente! Io infatti non contesto affatto i fuochi d’artificio, ma proprio quegli imbecilli che vanno in giro per strada a disseminare botti dovunque. Molti di questi botti rimangono inesplosi e diventano un pericolo per l’incolumità altrui. E non dimentichiamo che poi, oltre ai botti, vengono gettate diverse bottiglie di alcolici che i poveri operatori ecologici sono costretti a raccogliere. Assurdo! Ma in casa vostra cosa fate, lasciate la spazzatura in giro dove capita? E se poi scoppiare petardi è così bello, perché non lo fanno per tutto l’anno anziché solo in determinati eventi? Se mi piacesse davvero una cosa, io vorrei farla di frequente… o no? In pratica si sopravvive in quel giorno, un botto di euforia che rappresenta invece solo il degrado della società. Il botto l’hanno fatto nel cervello! Della serie, vivo già sopravvivendo o schiavo per tutto l’anno, quindi almeno lasciami scoppiare i botti a fine anno. La cosa più agghiacciante è che sono spesso dei ragazzini ad andare in giro a scoppiare i botti per strada, come nulla fosse e non rendendosi conto del pericolo che vanno provocando alle persone, agli animali e ai luoghi pubblici. E non dite che a mezzanotte i cani e i gatti devono stare in casa. È facile avere un po’ di coscienza per accorgersi che ai cani basta sentire i botti per abbaiare come dei pazzi presi dallo spavento!

Basta con le scuse e basta con le giustificazioni. Se scoppiate i botti a fine anno (o in altre occasioni di pseudo-libertà durante l’anno), siete incivili, punto. Non regge l’alibi della tradizione. Se una tradizione è dannosa, va bandita, oltre al fatto che la vera tradizione è quella dei fuochi d’artificio autorizzati e pirotecnici. I comuni si devono impegnare a impedire i botti. Che senso ha mantenere questa sottospecie di tradizione se poi sono più i danni arrecati? Ma neanche la Croce Rossa in Afghanistan o in Iraq subisce così tanti danni, al confronto! Per fortuna, negli ultimi anni diverse grandi città hanno capito che permettere i botti non è un bello spot al turismo e alla governabilità, ma rimangono ancora tanti altri comuni, compreso il mio, dove vengono permessi in nome di una tradizione che non ha alcuna logica.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.