Crea sito

La sesta grande estinzione (cambiamento climatico)

Gli effetti del surriscaldamento globale si avvertono sempre di più e viviamo sempre di più in una cappa di smog. E ciò nonostante, è ancora nulla rispetto a quello che ci attende. Lo so, detto così, sembra che stia descrivendo l’apocalisse. Ma l’apocalisse, se preferite usare questo termine, non avviene in un giorno preciso come tante volte hanno annunciato le sette o per il 21 dicembre 2012. L’espressione corretta è grande estinzione. E una grande estinzione si verifica nel corso di pochi milioni di anni. Dico “pochi” perché lo sono secondo la scala geologica, mentre sulla scala della vita umana 2 o 3 milioni di anni sono un’enormità! In passato, ci sono state 5 grandi estinzioni di massa, soprannominate “big five”. Quella più famosa ha fatto estinguere i dinosauri, mentre quella più terribile è stata tra il Permiano e il Triassico (limite Perm-Trias, circa 250 mln di anni fa). Ovviamente, accanto ai big five, ci sono state tante altre estinzioni minori, ma sempre drammatiche in termini di ragionamento umano.

La caratteristica di una nuova grande estinzione, la sesta, è dovuta a due fattori:

1) è colpa nostra;
2) il tasso di estinzione è più elevato di quello che farebbe la natura da sola (alcuni sostengono che il tasso sia di 100 volte superiore).

Circa 56 mln di anni fa, la Terra subì un aumento pazzesco delle temperature globali. C’erano palme e coccodrilli alle latitudini della Groenlandia! Ma si tratta di un avvenimento che si è sviluppato in migliaia di anni. Un arco di tempo brevissimo per la geologia, ma lunghissimo rispetto a quello che stiamo provocando oggigiorno.

Che l’aumento odierno delle temperature sia colpa nostra, non c’è alcun dubbio, in barba ai negazionisti. Ne ho già discusso nell’articolo sul surriscaldamento globale. Sulle stime, invece, i dati hanno chiaramente un margine di errore e ognuno offre delle interpretazioni. Non tutti forniscono le stesse cifre. Quello che non cambia è il concetto, o meglio, la realtà. Il 41 per cento di tutte le specie di anfibi e il 26 per cento di quelle di mammiferi sono state incluse nella lista delle specie in pericolo di estinzione dall’International Union for Conservation of Nature (IUCN). Secondo Gerardo Ceballos della Universidad Nacional Autonoma de Mexico a Città del Messico e Paul Ehrlich e Rodolfo Dirzo della Stanford University, il 30% delle specie di vertebrati ha visto declinare il suo areale e la dimensione della popolazione (l’areale indica la zona in cui vive una specie, intendendo non solo lo spazio geografico ma anche le caratteristiche). Per quanto riguarda l’aumento di temperatura media del pianeta, 2 °C è il limite considerato quello del non ritorno, ma un cambio della tendenza non si è mai visto. Tutte le riunioni sulle sorti del clima sono terminate con fumate nere e, anzi, c’è chi è uscito da quegli esigui accordi stabiliti. Alcuni studiosi dicono che, nel 2100, l’aumento di temperatura sarà addirittura di 4 °C, se non addirittura 8 °C negli scenari più catastrofici. Dipende da come uno ha fatto i calcoli e qual è il margine di errore stimato, ma anche la gravità che vuole trasmettere. Nulla di strano, è già accaduto un rialzo di questo tipo ma, come detto, stavolta sta avvenendo a una velocità terrificante che non dà scampo. In realtà, in Italia molte zone hanno già subito un aumento medio di almeno 2 °C rispetto alle medie climatiche teoriche. Dove abito io, è sistematicamente così da anni. L’inverno è sempre troppo caldo per quello che dovrebbe essere. I giorni di vero gelo sono pochi (e drammatici) e si ritorna sempre al caldo. 15 °C a febbraio possono sembrare piacevoli, ma non è affatto così se si guarda oltre. Si possono dare tanti tipi di dati e si possono effettuare diversi tipi di studi, ma il fatto non cambia: molte specie si sono estinte a causa dell’uomo e tante altre stanno declinando. Ma basterebbe anche la realtà quotidiana per accorgersene. Stanno sparendo sempre di più gli insetti impollinatori e altri che fanno funzionare l’ecosistema (il primo che mi viene in mente è lo scarabeo stercorario). Sì, anche se non ci piacciono, gli insetti sono a rischio estinzione come gli orsi polari, i pinguini, gli squali, il tonno e gli elefanti. Proliferano le mosche e le zanzare, loro sì ma, come diceva Einstein, senza le api noi umani siamo morti! Io che abito in un piccolo paese a “rischio giallo” (cioè ancora si può salvare qualcosa, rispetto a città perdute per sempre nel cemento come Peschiera del Garda), penso di non ricordare più l’ultima volta in cui ho visto un’ape. Ed è un piccolo paesino, non di certo una grande metropoli come Milano.

Purtroppo, anche se i tempi di questa estinzione sono estremamente brevi, non ce ne accorgiamo. Potremmo dare la colpa alla cecità delle persone e dei governi e non sarebbe sbagliato. Ma, a questo, bisogna anche dire che saranno le future generazioni a patire di più. È un ragionamento tipico ed egoistico. “Tanto, quando succederà, non sarò più vivo, quindi che me ne frega?” Non si guarda più in là del presente e si cerca il massimo profitto. È il ragionamento di gente come Trump, Salvini e di tutti coloro che continuano a togliere spazio alla natura per guadagnare con il dio del cemento. Inoltre, gli occidentali se ne accorgono poco perché sono i paesi più poveri a vivere le conseguenze più drammatiche. I ghiacciai dell’Hindu Kush, direttamente o indirettamente, fanno sopravvivere circa 1.5 mld di persone. Ma i ghiacciai si stanno ritirando pesantemente, quindi quest’area popolata da 1/5 della popolazione mondiale soffrirà.

Surriscaldamento globale e immigrazione

Un aspetto del surriscaldamento globale poco noto è che scatena dei meccanismi di immigrazione (o migrazione). Leggete questo articolo e scoprirete di cosa parlo. Qui preferisco parlare di altro, altrimenti sposterei l’attenzione sul “problema immigrazione” togliendolo al resto dell’articolo.

Ci sono soluzioni? La sovrappopolazione ci frega!

Intanto, dobbiamo iniziare ad ammettere che siamo in troppi. Pensiamo a come poter sfamare 10 mld di persone nel 2050, ma non si dice quasi mai che il problema è esattamente che saremo in 10 mld. Al contrario, i nostri TG continuano a lanciare l’allarme del calo di nascite (e poi c’è chi, come Salvini, ragiona da islamico per combattere l’Islam, ovvero incitando a fare figli come pani usciti dal forno). Difficilmente potrà cambiare qualcosa se non si raggiunge questa consapevolezza. Non è vietato fare figli, ci mancherebbe altro. Ma bisogna fare figli se si ha una concreta capacità economica e morale per poter dare ai figli i mezzi, in particolare quelli etici, necessari alla vita. L’obiettivo dovrebbe essere almeno mantenere invariata la popolazione. Già qui mi sa che abbiamo fallito, visto che le propagande vanno in verso opposto al mio pensiero. Proprio per questo motivo, ecco che periodicamente sbuca fuori un articolo che ci spiega come il cibo del futuro saranno gli insetti (ma non si dovevano estinguere pure loro?) o che dobbiamo seguire un’alimentazione vegetale. Mah, anche se esistono popoli che si nutrono di insetti, dubito che l’umanità intera accetterebbe di mangiare insetti. Io preferirei morire di fame, piuttosto! Per quanto riguarda l’alimentazione vegetale, siamo alle solite. Queste ideologie non mi hanno mai convinto, perché l’interesse non è realmente quello di salvare il pianeta. L’interesse di queste ideologie è convertire le persone a passare dalla loro parte, usando qualunque scusa possibile, bugie comprese. Diffidate di questi attivisti militanti, perché a loro, dell’ambiente, non frega nulla allo stesso modo dei politici che guadagnano con il cemento. Se per convertire devono dire che salveranno il pianeta, anche se non è vero, lo dicono. Non si fa altro che spostare il problema. Si continuerebbe a deforestare, si eliminerebbero le specie di quell’habitat e il problema, anzi, peggiora! O magari riduciamo l’impatto ambientale del 30%, ma la popolazione aumenta del 50% e siamo punto e a capo (si possono dare altre percentuali, ma il concetto resta invariato). Insomma, la vera soluzione è smetterla con la rincorsa al cemento, puntando sulla riqualificazione di aree su cui si è già costruito (vedi l’abbattimento del vecchio Delle Alpi, stadio della Juventus, per costruirci un altro stadio anziché andare in cerca di terreni ex novo). E, naturalmente, non possiamo continuare a crescere spropositatamente come numero di abitanti. Quando spiego che i paesi scandinavi sono tra i più felici al mondo, una delle critiche che piovono che è facile essere felici in Norvegia se loro sono appena 5 mln. Ecco, te lo sei detto da solo… vedi che, se vuoi, arrivi a capire che la sovrappopolazione è un problema! Un altro dato di quanto la crescita della popolazione impatti sull’ambiente: ogni figlio occidentale (*) viene mediamente a “costare” all’incirca 58 tonnellate di CO2 all’anno (all’anno!). Un volo intercontinentale (che non si fa di certo tutti i giorni) “costa” circa 1.5 tonnellate pro capite (all’incirca 300 g pro capite per ogni km percorso). C’è poco da fare, i numeri non mentono, ma mica si può dire, soprattutto nei paesi molto religiosi o dove serve aumentare il PIL, di fare meno figli! Non sto affatto dicendo che è vietato fare figli, tutt’altro, ma è facile accorgersi che troppa gente, in occidente o nei paesi poveri, fa figli come se fossero pani sfornati. Ogni eventuale soluzione deve necessariamente passare attraverso il fattore popolazione. E, più la popolazione cresce, più le soluzioni diventano sempre più complicate e complesse.

* E certo, finché i bambini africani muoiono di fame, è comodo continuare a vivere nell’agio e pensare di consumare all’infinito.

Uno degli slogan del movimento #Fridays for Future è che non dobbiamo cambiare il clima, ma il sistema. E sono d’accordo. Il cambiamento climatico è ormai irreversibile. Quindi, dobbiamo essere pronti, portando avanti linee politiche che considerino questo problema. Charles Darwin ha correttamente dimostrato, nella sua teoria dell’evoluzione, che sopravvive chi si adatta meglio (chi si adatta meglio, non il più forte!). E noi umani dobbiamo adattarci ai cambiamenti climatici, cessando gli egoismi e i sovranismi. È interessante notare una cosa di Greta Thunberg. Lei ha iniziato la protesta davanti al parlamento svedese, ma gli svedesi (e gli scandinavi in generale) sono stati tra i primi a capire il problema ambientale e ad intervenire.

Il lassismo della politica italiana

Ecco uno dei tipici esempi di politica che infinocchia la gente. Dopo l’attivismo di Greta Thunberg e degli scioperi del clima, il governo italiano di Conte ha realizzato il decreto clima (detto anche green new deal). Si vuole spacciare questa manovra come qualcosa di grandioso, addirittura paragonandola al new deal di Roosevelt per combattere la depressione americana di inizio ‘900. La cifra di 450 mln appare grande, ma in realtà sono solo briciole. Se uno fa due conti, parliamo di 8 euro a testa per ogni cittadino. Questa è la spesa che ognuno di noi mette per il decreto clima del governo di Conte. Il canone RAI, annualmente, ci costa molto di più! 8 euro a testa per affrontare i cambiamenti climatici sono una cifra irrisoria. I nostri politici ci dicono che è solo un inizio, ma ciò significa che il messaggio non è stato recepito. Non bisogna agire entro 20 o 30 anni, perché a quel punto sarà troppo tardi. La Germania e i paesi scandinavi l’hanno capito (gli scandinavi prima dei tedeschi) e finanziano cifre molto più importanti. I nostri politici giustificano la spesa tedesca per il clima dicendo che i tedeschi producono di più. La giustificazione non regge. Per quanto la Germania sia più avanti nella produzione, stiamo mettendo a confronto 8 euro per cittadino italiano contro 600 euro per ogni cittadino tedesco (50 mld in tutto). È un divario fin troppo enorme per giustificarlo con un mero fatto di produzione! La Germania ha capito che l’ora di intervenire è adesso, come ci dice bene Greta Thunberg. La verità è che gli italiani vogliono ancora credere di essere nel boom economico, cioè che il miglior modo di produrre e creare posti di lavoro è l’economia del cemento. Per conseguenza, le misure per il clima in Italia sono irrisorie, perché è ancora irrisoria la mentalità ecologica degli italiani!

Nulla cambia, ma forse tutto peggiora

Di recente, trovo positivo che molti giovani, rispetto agli adulti e ai politici, si siano resi conto del problema e scioperino (è importante distinguere che, per loro, non è una manifestazione). Ciò dimostra che le nuove generazioni non sono totalmente da buttare. Se parliamo di ambiente, sono gli adulti, cioè i nostri padri e i nostri nonni, ad averci lasciato nei guai per il mero profitto. Sfortunatamente, temo che sarà sempre troppo tardi. I politici “non hanno fatto i compiti” e non hanno intenzione di farli per molto a lungo. E gli scioperi, per conseguenza, rischiano di finire come un’azione passeggera o dimenticata. Il discorso della Thunberg al COP24 avrebbe dovuto far nascondere dalla vergogna coloro che, da anni, parlano e non vogliono mai risolvere per poter mantenere i rispettivi interessi. Invece, è inquietante che la realtà spiattellata in faccia abbia addirittura provocato insulti, come purtroppo non sorprende nell’era del “cattivismo”. E no, la Thunberg (che è una ragazza e NON una bambina) non ha ragione perché ha l’Asperger. Posto che molte soluzioni alternative spostano o rimandano il problema, ha ragione per un motivo molto semplice ma che non si vuole ammettere: gli “adulti” non si comportano da maturi! Il discorso della Thunberg non è nuovo, a dire il vero. Con una retorica comprensibilmente degli anni ’90, l’aveva già fatto Severn Suzuki nel 1992, che all’epoca aveva 12 anni e fu nota come la bambina che “zittì il mondo per 6 minuti”. Quando si dice perseverare negli errori. Ora la Thunberg è diventata l’ambientalista simbolo e i politici si fanno belli con lei. Nel frattempo, però, hanno già nel cassetto i nuovi accordi per guadagnare con il cemento. Lo dice lei stessa:

Tanta gente importante si congratula con me, ma non so di che cosa si congratuli. Milioni di studenti sono andati in sciopero per il clima, e nulla è cambiato.

È per questo che lei continua ad essere arrabbiata, anzi lo è di più, avendone tutto il diritto. I politici sfruttano le sue lotte per accalappiare voti e, mentre dicono che bisogna intervenire per il clima, assegnano i Mondiali al Qatar, che per rinfrescare lo stadio spreca vagonate di energia. Un Mondiale nel deserto, un bosco che sparisce per un campo da coltivare, cantieri su cantieri perché la gente deve lavorare ecc. E stiamo sempre continuando a fare quello che ci sta distruggendo. Tra l’altro, la Thunberg ha un suo modo di viaggiare, di cui ho discusso qui. Riallacciandoci al suo modo di viaggiare, in questo articolo diciamo che non è alimentare un palco con 120 ciclisti che risolveremo il problema. Sa di grottesco e ricorda l’immagine degli schiavi che dovevano remare le barche (*). Ma forse, più che non essere cambiato nulla, è tutto peggiorato. La popolazione è aumentata e i boschi spariscono a mano a mano per cedere ai centri commerciali, ai pascoli e ai campi di agricoltura (non è solo colpa degli allevamenti!). Un terreno prima coltivato diventa argilla secca dopo qualche anno. Si costruiscono sempre più strade e parcheggi, aumentando il traffico, lo smog e l’inquinamento. In riassunto, giusto per ripeterlo: siamo in troppi e cementifichiamo troppo!

* Quello che mi rende perplesso è che anche gli ambientalisti della vecchia scuola sminuiscono i giovani del #Fridays for Future. In quanto giovani, è normale che siano ancora immaturi e inesperti, poiché nessuno nasce imparato. Se oggi sono immaturi e inesperti, avendo le giuste opportunità, impareranno pian piano. Gli ambientalisti della vecchia scuola sembra che siano frustrati perché avrebbero voluto per sé certi riconoscimenti, ma così dimostrano di non avere un vero interesse per l’ambiente (e allora capisco perché hanno fallito!). Anche se abbiamo tutti quanti le stesse idee, francamente mi dissocio dal vecchio ambientalismo, che è solo l’altra faccia di chi cerca un profitto. Non è neanche questione di “rispetto” (cit. Salvini). Parlare di rispetto, nel caso specifico, vuol dire che è un momento passeggero prima di diventare adulti e pensare ad altro. Non è questione di rispetto, ma di dare a questi giovani gli strumenti e gli insegnamenti per maturare l’esperienza e governare meglio di chi lo fa oggi. Il geologo Tozzi l’ha capito perfettamente e, non a caso, nel suo programma Sapiens invita solo i ragazzi del liceo come ospiti. Non bisogna spegnere le iniziative dei giovani perché sono immaturi, bensì fare come Tozzi, cioè permettere che imparino e trovino gli strumenti per farlo. Se lo facciamo, diventeranno adulti competenti. Altrimenti, allo stesso modo dei predecessori, si rassegneranno e finiranno nelle fila dei nullatenenti o dei delusi sopravviventi (vedi sul perché siamo allo sbando).

Sia chiaro, anche il mio ragionamento è di stampo umano. A rimetterci è sempre l’uomo. Anche se si estingueranno molte specie, non sarà il pianeta a morire e non sarà la vita a sparire dal pianeta. Non è bastato nemmeno l’asteroide di Chicxhulub a distruggere la vita sulla Terra. Mi vengono in mente i tardigradi, animali piccolissimi (circa 1 mm) e capaci di sopravvivere dallo zero assoluto fino ai 150 °C o addirittura nel vuoto dello spazio. Il loro aspetto è simile a quello di un ippopotamo e sembrano buffi, ma sono uno straordinario esempio di come la vita, una volta che si è stabilita, è molto resistente. La vita avrà sempre futuro ancora per molto tempo. Sarà l’uomo a non esserci più, a meno che non decida di cambiare rotta in extremis. Ormai, anche i paesi occidentali risentono del surriscaldamento globale. Negli USA, è vero che ci sono ondate di gelo tremende che bloccano il traffico aereo, ma poi ritorna sempre preponderante il caldo. È la differenza tra meteo e clima, cioè tra scala locale e scala a lungo termine. Incendi, tempeste, alluvioni e altri eventi estremi (*) stanno colpendo anche nei paesi occidentali, provocando morti. Non saranno il miliardo e mezzo che dipende dall’Hindu Kush, ma anche da noi, di questo passo, serviranno a poco i climatizzatori in estate. Da noi in Europa, è stato appositamente coniato il termine “Medicane”, cioè un neologismo tra Mediterraneo e hurricane per sottolineare che questo evento climatico sta diventando comune anche nel Mare Nostrum. Non sono solo io a farla “tragica” parlando di sesta estinzione. Ne parlano anche molte riviste scientifiche (mi viene in mente un articolo di Le Scienze).

* Da chiarire cosa si intende per evento estremo. Un evento estremo è tale se non è tipico di un luogo, ma può essere normale in un altro. La domanda è: se gli eventi estremi diventano normali, come sempre più sta accadendo, ha senso parlare di eventi estremi?

Resilienza, il sapersi adattare

Come ho spiegato anche nell’articolo sul surriscaldamento globale, a mio parere dovremo adattarci. Gli scienziati amano usare il termine resilienza. E condivido. Ma dobbiamo adattarci con azioni concrete, non con cure palliative. Ha poco senso parlare di spazzolini di bambù o di fare docce brevi per non sprecare l’acqua (*), laddove il grosso è dato dalla sovrappopolazione e dal cemento. Il punto è che il trend è un dato di fatto ed è ciò che si sta davvero realizzando. Se è vero che il peggio lo vivranno i nostri figli e i nostri nipoti, è anche vero che già la qualità delle nostre vite è scaduta. Purtroppo, quello che ancora a molti non piace è dire dove sta veramente il problema. Le ideologie veg non potrebbero convertire la gente a fare un’alimentazione vegetale. I politici non potrebbero fare le campagne per il family day e regalare al papa altri fedeli. E, ovviamente, la mafia del cemento non potrebbe continuare ad arricchirsi. Sì, poi c’è Focus che ci fa vedere una manciata di teneri cuccioli di elefanti salvati dai bracconieri, ma nel frattempo il malvagio di turno si prende 1000 volte di più.

* L’argomentazione ha poco senso. È vero che non bisogna sprecare l’acqua, ma il problema non si risolve facendo docce brevi. Tutto quello che usiamo e indossiamo impiega molta più acqua di quella con cui ci facciamo la doccia. Quest’acqua viene chiamata “acqua virtuale”, ma è ben più reale di quella del rubinetto o delle docce.

Uno degli slogan del movimento #FridaysForFuture è che non dobbiamo cambiare il clima, ma il sistema. E sono d’accordo. Il cambiamento climatico è ormai irreversibile. Quindi, dobbiamo essere pronti, portando avanti linee politiche che considerino il surriscaldamento globale. Charles Darwin ha correttamente dimostrato, nella sua teoria dell’evoluzione, che sopravvive chi si adatta meglio (e non il più forte!). Noi umani dobbiamo adattarci ai cambiamenti climatici, cessando gli egoismi e i sovranismi.

Infine, voglio spendere due parole sul riciclo. Le cose non sono più come 20 anni fa. Riciclare è sempre meno economico. È per questo che i roghi ai rifiuti sono diventati un problema, la nuova frontiera (per così dire) della mafia. Sono le società di riciclaggio stesse ad appiccare gli incendi. Non guadagnano più come prima. Allora cosa fanno? Riciclano solo una parte dei rifiuti. Il resto viene dato alle fiamme in qualche cantiere abbandonato. Tutto ciò nasce dalla crescente popolazione. Più c’è gente e più aumenta l’energia consumata, quindi anche gli sprechi. Riciclare diventa più costoso e alimenta la mafia con gli incendi ai rifiuti. Ma il problema non è riciclare, bensì l’aumento eccessivo della popolazione. E questo problema non si risolve tornando agli inceneritori come vogliono fare alcuni politici stile Salvini.

Moon Day, che cosa davvero ci lascia esistenzialmente?

Perché aspirare al modello scandinavo

Nell’articolo sui paesi in cui si vive meglio, ho fatto notare che, se è vero che l’Italia, arretra, i veri paesi del benessere non sono nemmeno quelli che alcuni si aspetterebbero. Mi riferisco ai classici paesi come Germania, Stati Uniti, Regno Unito e Francia (certo, questi paesi restano mediamente più avanti dell’Italia, ma è un altro discorso). Invece, ho fatto notare che sono i paesi scandinavi, compresa la “remota” Islanda (*), a essere costantemente fra i primi posti. E ora vorrei spiegare perché loro sono così avanti. Innanzitutto, quello che vi sto per dire, anche se non è un quadro completo ed esaustivo, non è frutto del mero sentito dire. Sono stato diverse volte nei paesi scandinavi, tranne l’Islanda, e ho avuto modo di toccare la loro realtà. Certo, andarci da turista non è come viverci, ma non può essere una critica valida. Non può esserlo perché la differenza è troppo netta per non accorgersene! Mettere insieme un “modello scandinavo” è un po’ difficile, visto che stiamo parlando di 5 paesi. Ci sono differenze locali e legislative, ma il concetto di fondo è comune. Per questa ragione, l’espressione “modello scandinavo” ha senso (oltre alle vicende di storia che hanno sempre accomunato questi paesi).

* Tecnicamente, i paesi che si identificano come propriamente scandinavi sono solo Svezia, Norvegia e Danimarca. Questo perché hanno sempre avuto forti legami storici, culturali e linguistici (praticamente, svedese, norvegese e danese possono essere considerati, esagerando, dei “dialetti”). Secondo altre definizioni, si accomunano anche la Finlandia e l’Islanda, perché in effetti il regno vichingo ha avuto molta influenza in queste regioni. La lingua islandese, anche se a tratti simile, è diversa e ancora di più lo è quella finlandese (la Finlandia ha avuto il dominio russo ed è amica dell’Estonia).

Corruzione e criminalità
Sì, esistono anche lì e non è mai tutto perfetto al 100%. Quello che influisce sull’andamento del paese è la percentuale di questi problemi. È facile notare che gli scandali politici sono molto rari in Scandinavia. Emblematico l’esempio dell’Islanda con le banche. Gli islandesi hanno deciso di dare pene certe ai responsabili e di non far ripagare quel debito ai cittadini. Direte che è facile per un paese di circa 300 mila abitanti. Beh, in un momento difficile di sovrappopolazione, di spreco e mancanza di risorse, essere in pochi è un pregio! La criminalità è bassa nei paesi scandinavi, a tal punto che la condanna a Breivik è parsa ridicola all’italiano medio. Ma questo tipo di condanna è possibile all’interno di una società con bassa criminalità! Provate a sentire un buon numero di norvegesi e vi accorgerete che, per quanto siano rimasti sconvolti, non nutrono la rabbia e l’odio di molti italiani. A contribuire nel non coltivare questi sentimenti negativi, c’è la certezza della pena, cosa che a noi, purtroppo, manca (basti pensare all’immunità politica e all’oscena riabilitazione di Berlusconi).

Reddito di cittadinanza (?)
Il grande vanto di Di Maio, che invece è una bufala. Nei paesi scandinavi, a seconda della traduzione, si preferisce parlare di “reddito di sussistenza”. In Finlandia, hanno addirittura provato a sperimentare il reddito di benessere universale, anche se l’esperimento è fallito (fallito solo in termini di lavoro, poiché i beneficiari non se ne sono affatto stati sul divano, bensì hanno sfruttato il tempo libero per essere felici e curare la salute: il momento del reddito di benessere universale arriverà!). Dove sta il plus del sistema scandinavo? Sta nello scopo. Il (finto) reddito di cittadinanza del M5S è una propaganda politica che serve per far vedere di aver combattuto la disoccupazione, quando in realtà la precarietà è addirittura peggiorata. Per gli scandinavi, sebbene ci sia sempre la clausola del lavoro, l’obbiettivo è rendere le persone autonome e indipendenti. Il loro intento non è rendere schiavi i cittadini per evitare che stiano sul divano, ma che abbiano le risorse per cavarsela da soli. Un cittadino che se la cava da solo, per conseguenza, non grava sullo Stato. Ovvio che, anche lì, c’è sempre chi vuole stare sul divano. Lo sanno benissimo, ma sanno altrettanto che chi sta sul divano fa meno danni rispetto a uno che lavora male!

Distribuzione equa della ricchezza (divertirsi senza essere apparenti)
Le tasse, in altre parole. È vero, gli scandinavi pagano molte tasse, ma quel che rimane è sempre tanto. Ed è per questo che non si lamentano. La busta paga, al netto delle tasse, è sempre sostanziosa. E quello che finisce in tasse viene usato per il loro welfare, quindi con il beneficio per tutti. C’è meno disparità sociale e, di questo, gli scandinavi hanno la garanzia. È anche vero che gli scandinavi hanno l’ottima dote di essere persone semplici rispetto agli italiani che, mediamente, sono molto più apparenti. Mi viene in mente un mio amico, che ha le mani bucate ogni volta in cui può spendere qualcosa. E come lui, ci sono tantissimi altri italiani che si comportano così. Questa è tutta gente che non arriverebbe a fine mese anche guadagnando 1 milione di euro all’anno! Nessuno dice che non bisogna divertirsi, ma ci si può divertire senza avere le mani bucate. Ci si può benissimo divertire senza avere l’ambizione di dire “me lo posso permettere” o per mantenere uno status quo di cui dare sfoggio. Sul sistema fiscale, ho già scritto perché la flat tax è una bastonata per i poveri in questo articolo.

Alcolismo e fumo
Anche in questo caso, come per la criminalità, è impossibile non vedere mai gente ubriaca che vomita per strada. Ma c’è un regolamento preciso e viene fatto rispettare. L’alcol è monopolio di Stato e viene venduto a caro prezzo. Gli alcolici non possono essere venduti normalmente nei supermercati, tranne alcune bevande a bassa gradazione. L’obiettivo non è quello di sradicare completamente l’alcolismo, ma di minimizzarlo. E se anche qualcuno ha questo problema, il costo elevato degli alcolici giustifica il rientro delle spese per eventuali cure mediche (o comunque sono soldi che vengono rimessi in circolo per la comunità). Il problema dell’alcol, nei paesi scandinavi, è stato minimizzato perché il problema viene trattato con serietà, dando magari la sensazione che sia più grave di quel che sembra. Non ci si nasconde come da noi e non si fa finta di non vedere il problema. La stessa cosa vale per il tabacco. La percentuale di fumatori è bassa perché la gente viene educata con valori di civiltà. Già da anni, in Svezia è sempre stato vietato fumare non solo all’interno dei locali, ma anche negli spazi appena fuori (in Italia, all’esterno di bar e ristoranti si può fumare!). Dal 2019, sarà vietato fumare anche nei parchi giochi e nelle banchine delle stazioni. In pratica, sarà permesso fumare solo in casa propria o negli spazi in cui c’è l’area fumatori. Tutto questo è frutto di una ridotta percentuale di fumatori in Svezia, che è di almeno la metà rispetto agli italiani. In Italia, la legge ha cercato di accomodare i fumatori, dando un po’ il contentino a chi non fuma. In Svezia, hanno capito che è inutile vietare il fumo negli edifici, se poi si fuma all’esterno facendo arrivare ad altri il fumo passivo. Notate come gli scandinavi non fanno discriminazione. Ognuno ha sempre la possibilità di bere e fumare, ma si trasmettono la consapevolezza e la responsabilità dei comportamenti fin da bambini. Non esistono tabù e non si cerca di mettere la polvere sotto il tappeto come da noi, salvo in seguito “sospenderci” quando avviene la tragedia.

Auto e attività fisica
Il grande paradosso della Norvegia: ha tanto petrolio, ma quasi non lo usa. Sì, è così. Non è che il petrolio non viene usato, bensì viene usato con criterio e per il necessario. Gli scandinavi, in generale, sono poco abituati ad usare l’automobile. Stoccolma è la capitale della Svezia, ma le zone con traffico intenso sono poche. La gente preferisce spostarsi a piedi, in bicicletta o con mezzi pubblici. La stessa cosa vale per la Norvegia che, come detto, ha parecchio petrolio. Eppure, nonostante la disponibilità di petrolio, è comune vedere i norvegesi che camminano in inverno con il sole che è già calato alle 3 e mezza del pomeriggio. Persino a temperature fortemente sotto lo zero, gli scandinavi sono abituati a camminare e a fare attività fisica. Infatti, mediamente sono più magri degli italiani! Ciò dovrebbe far cadere il pregiudizio per cui il loro clima rende depressi. E dovrebbe far riflettere tutti coloro che, appena la temperatura scende sotto i 10 gradi, non uscirebbero mai a correre. Oppure lo fanno, ma conciandosi come degli eschimesi (!). Da noi, si “deve” usare la macchina anche solo per andare in edicola a 500 m di distanza…

Decentramento
È pur vero che il minor utilizzo delle auto è correlato allo scarso decentramento della popolazione scandinava. Loro preferiscono avere poche città, ma dove tutto quello che serve è presente lì. Meno città vuol dire meno collegamenti e meno collegamenti vuol dire sprecare meno denaro per i collegamenti. E quindi, si tende a usare meno l’auto per spostarsi. I collegamenti che ci sono funzionano benissimo con il treno o il bus, mentre l’auto viene usata se è strettamente necessario. Qualcuno può sempre contestare che è facile avere poche città se gli abitanti sono pochi. In realtà, anche in Danimarca funziona così. La Danimarca è piccola, ma con una densità di popolazione elevata. Eppure le città restano poche e poco decentrate. Si cerca di minimizzare ogni spreco possibile. Da noi, creiamo sempre una nuova strada per guadagnare 5′ di traffico, traffico che puntualmente però peggiora. Abbiamo troppe cittadine da collegare, anche quelle sul cucuzzolo sperduto, e anche per questo si usa troppo la macchina. Il risultato è che, da noi, l’inquinamento è gravissimo e lo smog è persistente tutto l’anno. I nostri politici fanno le domeniche con il blocco del traffico, ma non vogliono dire la cosa più importante: il nostro paese è troppo decentrato e c’è una folle rincorsa al cemento. Il pregio degli scandinavi è che hanno una concreta e solida etica ambientale. Non disprezzano affatto il progresso e la tecnologia (anzi, ne sono maestri). Hanno capito che i cliché degli alternativi non funzionano o, spesso, sono addirittura deleteri.

Avrete notato che non ho parlato di una leggenda tipica sugli scandinavi: il tasso di suicidi. Spesso, quando parlo dei pregi degli scandinavi, mi replicano che loro il tasso di suicidi è elevato. Ebbene, chissà perché chi lo afferma non fornisce mai i numeri e parla a caso sperando che uno se la beva. Il tasso di suicidi in Norvegia e in Islanda ha lo stesso ordine di grandezza dell’Italia. È leggermente più alto in Svezia, Danimarca e Finlandia ma, appunto, leggermente. Questi dati non contraddicono affatto il maggior grado di felicità degli scandinavi messa in evidenza dalle varie classifiche sul benessere. Anzi, si può dire che sono “coerenti”. Chi sta male riconosce il suo stato si uccide, ma gli altri sono felici! Lo so, detto così può sembrare brutale, ma è ciò che, di fatto, avviene. In Italia, c’è molta più infelicità, ma il suicidio ha un impatto (leggermente!) inferiore per via della religione e delle inibizioni. Il tasso di suicidi è molto più alto e drammatico in Giappone e in Corea del sud, guarda caso due paesi in cui il valore della persona si basa su quanto ci si sacrifica a lavoro (andatelo a dire a Di Maio…). Se è vero che il tasso di suicidi è più alto nei paesi scandinavi, l’errore è quello di chi non ha la capacità di comprendere gli ordini di grandezza (tant’è che gli italiani sono, sostanzialmente, degli analfabeti funzionali).

E no, a chi mi contesta che dovrei andare in Svezia o in Norvegia, replico che sto parlando di esempi da cui imparare. Stimare gli scandinavi non vuol dire che bisogna prendere una loro cittadinanza e naturalizzarsi. Fuggire, a meno che non sia davvero conveniente in tutti i sensi, non è la soluzione. Preferisco descrivere un modo per progredire e migliorare noi, anche se so che, nella maggior parte dei casi, parlo a vuoto. Ma s uno non inizia a tracciare la rotta, proponendo delle soluzioni, è una lotta persa in partenza e non ci sarà mai fine al peggio per l’Italia.

Selvaggio a chi?

Possiamo imparare dagli Hunza, ma non le bufale!

Quella sugli Hunza è una bufala molto vecchia. Girava su siti come disinformazione.it, ma ancora oggi è “gettonata” e viene proposta da famosi motori di ricerca. Penso che però sia interessante per capire alcune cose sullo stile di vita.

Gli Hunza, tante etnie in una valle

Partiamo dal principio: chi sono gli Hunza? Gli Hunza abitano nell’omonima valle in Pakistan. Fin dalla fine dell’ottocento, gli Hunza sono descritti come un popolo longevo. A mano a mano, la loro storia è stata sempre più romanzata, fino ad arrivare alle bufale degli alternativi, secondo cui gli Hunza vivono fino a 130-140 anni. La prima cosa che salta all’occhio è che queste bufale sono diffuse dagli alternativi che sono contro la società moderna. La popolazione degli Hunza, in generale, viene descritta come una tribù mistica che vive lontana dalla tecnologia e dal comfort dell’occidente, che non conosce le malattie e nemmeno la medicina, nutrendosi di acqua pura (alcalina?) e prodotti vegetali. Ebbene, quasi nulla di tutto questo è vero. Innanzitutto, il popolo degli Hunza, per la maggior parte, appartiene a una corrente islamica liberale, i cosiddetti ismaeliti. Liberali perché si possono vedere molte donne in giro con abiti decisamente più “emancipati” rispetto ad altri tipi di islam. Già se si va in alcune zone confinanti, l’estremismo islamico è dominante e vige un profondo odio verso gli Stati Uniti e Israele. Inoltre, gli Hunza non sono affatto una tribù mistica come vogliono descrivere gli alternativi, ma vivono nelle città, esattamente come facciamo noi in occidente. La città principale della valle è Karimabad e ha circa 10 mila abitanti. Non sarà una metropoli come New York, ma molte valli in Italia, al confronto, sono disabitate. Esistono diverse etnie nella valle dell’Hunza, che parlano altrettante lingue. Quindi, per comodità e metonimia, continuerò a chiamarle tutte Hunza, ma sappiate che è tecnicamente sbagliato. Non esiste una “popolazione Hunza”. Esistono diverse etnie che abitano la valle, con diverse lingue, ma una “popolazione Hunza” non esiste.

Nonostante quella degli Hunza sia una bufala, c’è un dato vero: l’aspettativa di vita degli Hunza è sorprendentemente alta. Ma alta di quanto? Alla fine, è un’aspettativa di vita del tutto paragonabile a quella che c’è da noi. Infatti, gli Hunza non sono nemmeno citati nelle zone blu internazionali, cioè le aree locali con un’aspettativa di vita più alta della media mondiale. Più interessante scoprire perché esiste questa aspettativa di vita. E non è merito di pratiche come il digiuno o l’alimentazione a base di vegetali, bensì proprio delle innovazioni che gli alternativi disprezzano. La valle dell’Hunza ha ricevuto finanziamenti per l’agricoltura e l’economia. Anche l’alfabetizzazione è alta (alcune fonti, tra cui Wikipedia, riportano il 90%). È una valle rigogliosa e verde, ma per niente povera e isolata. È una valle molto frequentata dai turisti e attraversata dalle strade, come quella di Karakorum che permette di assistere a panorami mozzafiato. Certo, magari non andranno in giro con macchine e smartphone, ma dire che vivono come delle specie di eremiti è una falsità bella e grossa. Grazie ai finanziamenti attuati dall’Aga Khan (il loro equivalente di governatore), gli Hunza hanno guadagnato un certo benessere. E quando c’è più benessere, si sa, si tende di più ad essere gioviali come lo sono gli Hunza. La popolazione degli Hunza è stata documentata da Levison Wood, il famoso esploratore britannico che ama fare viaggi lunghi a pedi attraverso luoghi impervi o pericolosi (nello specifico, gli Hunza vengono citati nella serie “Sentieri himalayani”). E fa vedere proprio quanto ho appena detto, cioè che gli Hunza hanno raggiungo un sufficiente livello di benessere per raggiungere l’aspettativa di vita che abbiamo noi. Non è che non conoscono le malattie e la medicina. Semplicemente, la loro vita non ha le piaghe di altre zone cosiddette povere. E non le hanno perché hanno guadagnato maggior benessere. Secondo me, se parlassimo a qualche Hunza delle bufale sul loro conto, si metterebbe a ridere! Gli Hunza sono tutt’altro che santoni o mistici illuminati.

Ma ci insegnano qualcosa?

Cosa possiamo davvero imparare dagli Hunza? Che la tecnologia è fondamentale per essere longevi. Che poi, nella nostra società, la tecnologia sia stata deviata, è un altro conto. L’ho spiegato anche in questo articolo: non è la tecnologia ad essere negativa, ma il modo in cui l’uomo la usa. Oltre alla tecnologia, ovviamente, è molto importante mantenersi attivi. Modernamente, possiamo parlare di sport. Molti abitanti della valle continuano tranquillamente a scalare le montagne a 80 anni. Tutto questo è ben diverso dal quadro decritto dagli alternativi. Gli alternativi citano spesso gli Hunza per vendere la loro ideologia, di solito quella vegetariana o vegana o contro i vaccini, contro la medicina ecc. Lasciate perdere tutto questo e concentratevi su un corretto stile di vita. Dagli Hunza, sì, possiamo imparare questo. In sostanza, l’errore è credere che i popoli primitivi muoiano di fame e di malattie, che abbiano un’elevata mortalità infantile. Diamo per scontato che solo il nostro modello di società sia il migliore in assoluto. Non vuol dire che gli Hunza non se la passano mai male e non è tutto oro quel che luccica, visto che, come detto, gli Hunza non appartengono alle zone blu. Ma se loro non se la passano male è perché, evidentemente, non sono affatto così “primitivi” o isolati. E, naturalmente, il turismo ha il suo bel ritorno economico per valorizzare la valle e fornire più benessere agli abitanti locali. Siamo noi ad essere troppo arroganti e imporre il nostro stile di vita come il sommo possibile. A dimostrazione di ciò, anche nel Medioevo si poteva benissimo vivere a lungo come oggi in occidente. Erano persone che, rispetto al resto della popolazione, potevano godere di più benessere. Ed è una situazione, con i dovuti accorgimenti e le dovute differenze, paragonabile agli abitanti della valle dell’Hunza. Sì, anche sul Medioevo, e in generale sulle epoche passate, ci sono errate convinzioni.

Riassunto delle mie parole: no alle bufale, ma impariamo ad uscire dall’orticello!

Attenzione alla credunoleria!
Giornalisti e ricerche da budinocerebrati

L’illusione del naturale
La pericolosità della medicina alternativa
Selvaggio a chi?

La tecnologia rende stupidi?

La prima volta in cui mi sono soffermato con spirito critico sull’utilità della tecnologia risale ai tempi dell’università. Dovevamo andare in escursione e stavamo raggiungendo il luogo d’incontro prefissato. Un nostro compagno usava il navigatore ma, incredibilmente, sbagliò strada! Errare è umano, si può dire, ma quello che destò scalpore anche ad altri fu che c’era il cartello stradale con la direzione giusta! Lui però insisteva “ma il navigatore diceva così!”

Poi, qualche giorno fa, è uscito l’ennesimo articolo sull’ANSA che parla della dipendenza dalla tecnologia. Nulla di nuovo sotto il sole. I ragazzi sono dovunque sui social e usano continuamente le app. Sembra che smanettino come il miglior hacker ma poi, dal vivo, non sanno chiedere informazioni o hanno problemi con la cassiera del supermercato. Il tema è molto ricorrente e anche serie come X-Files e Doctor Who segnalano il problema. La gente non sa più comunicare, è sempre china sul cellulare o sta troppo ai videogame. Devo dire che, essendo figlio dell’internet degli anni ’90, pur condividendo la preoccupazione sulla tecnologia, non si è individuato il nocciolo della questione:

la colpa non è tanto della tecnologia, ma di un generale impoverimento d’animo.

In sostanza, c’è tecnologia e tecnologia. Un conto è adoperare internet per informarsi, un altro diffondere bufale per creare panico, diffidenza, odio e risentimento. Ma sono elementi che esistono già e che sono sempre esistiti (vedi l’articolo sul Medioevo). L’errore è stato quello di assecondare questo carattere umano con la tecnologia sbagliata, quando invece si doveva indirizzare la gente verso un uso più utile di essa. Si possono fare parecchi esempi oltre a quello che mi è accaduto all’università. Ad esempio, si va a correre con il cardiofrequenzimetro e lo smartphone, salvo poi non essere capaci di gestire il ritmo ascoltando il proprio corpo. Si usa la mappa di Google per trovare una via, ma così non impariamo a guardarci intorno e, paradossalmente, non impariamo mai la strada. C’è sempre meno voglia di faticare e studiare e poi è ovvio che siamo allo sbando. Usiamo le app per gestire la dieta, ma poi non sappiamo valutare gli alimenti attraverso lo studio. Ovviamente, chi usa questi mezzi dirà che sono utili, che ci semplificano la vita ma, a conti fatti, rimangono handicappati. Ma non è finita qui. Ormai esistono decine di social network, ma nessuno sa fare un discorso, tanto che Twitter permette un numero limitato di caratteri (beh, certo, anche la sintesi è un dono, ma è diverso dall’assecondare un difetto!). E poi, invece, non si sa più scrivere una mail. Ecco, la mail è un esempio molto utile per capire quello che voglio dire. La mail è tecnologia. Il cartaceo è bellissimo, ma è indubbiamente vero che la mail è spesso più comoda. Ma quante persone scrivono ancora mail? Tutti sui social network a postare stati e link, ma le mail sono state ormai abbandonate. Eppure la mail ha segnato una importante rivoluzione tecnologica, permettendo una comunicazione più facile ed economica. Quindi, non si deve puntare il dito contro la tecnologia, bensì bisogna recuperare la capacità di comunicare, che sia tramite una mail o di persona. In alcuni casi, la tecnologia ci aiuta a farlo, mentre in altri no. I cellulari sono utili, ma se stiamo tutto il tempo chini ad aspettare qualche notifica qualcosa non va. La tecnologia non è mai intrinsecamente positiva o negativa. Siamo noi che possiamo decidere come usarla e, purtroppo, è vero che la stiamo usando male o con superficialità negli ultimi anni. Sono concetti che ho espresso anche in altri articoli, come sulla TV o sui robot. Evidentemente, il problema è più ampio e affonda nel come l’umanità si evolve (nel bene e nel male). Se l’umanità si evolve (o forse dovremmo dire devolve?) impoverendosi d’animo, il circolo vizioso proseguirà e saremo sempre più dipendenti da certi strumenti che solo in teoria ci facilitano la vita. Nel senso che ce la facilitano, sì, ma annientano anche la capacità di comunicare, di problem solving, di avere spirito critico. Ricordatevi sempre l’esempio della mail. La tecnologia, se usata bene, è positiva e ci migliora come esseri umani. La scelta è sempre nostra!